OncoHub
Janssen Oncology
Oncologia Morabito
Novartis

Un'elevata espressione di PD-L1 è correlata alla resistenza primaria agli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR nei pazienti con adenocarcinoma polmonare EGFR-mutato in stadio avanzato naive-al-trattamento


L'obiettivo principale di uno studio è stato quello di indagare il rapporto tra i livelli di espressione di PD-L1 e la frequenza di resistenza primaria agli inibitori della tirosina chinasi ( TKI ) del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) nei pazienti naive al trattamento con adenocarcinoma polmonare avanzato e con mutazione in EGFR.

Dal 2012-2017, sono stati arruolati pazienti con adenocarcinoma polmonare avanzato EGFR-mutato che presentavano resistenza primaria alla terapia con inibitori tirosin-chinasisi di EGFR insieme a pazienti con controllo della malattia e pazienti con malattia stabile o risposta parziale al trattamento con inibitori TK di EGFR.

66 pazienti sono stati arruolati come gruppo di resistenza primario, mentre 57 pazienti sono stati inclusi come gruppo di controllo della malattia.
15 ( 22.7% ) pazienti avevano un punteggio TPS ( Tumor Proportion Score ) di PD-L1 maggiore o uguale a 50% nel gruppo di resistenza primaria, con 1 solo paziente ( 1.8% ) che aveva quel punteggio nel gruppo di controllo della malattia ( P minore di 0.001 ).

20 pazienti ( 30.3% ) avevano un PD-L1 maggiore o uguale a 25% nel gruppo di resistenza primaria, con 2 pazienti ( 3.5% ) con quel livello nel gruppo di controllo della malattia ( P minore di 0.001 ).

30 pazienti ( 45.5% ) avevano un PD-L1 maggiore o uguale a 1% nel gruppo di resistenza primaria, con 7 pazienti ( 12.3% ) a quel livello nel gruppo di controllo della malattia ( P=0.001 ).

I pazienti con PD-L1 maggiore o uguale all’1% hanno mostrato una incidenza più elevata di resistenza primaria agli inibitori tirosin-chinasici di EGFR rispetto a quelli con PD-L1 minore di 1% ( odds ratio, OR=5.95; P minore di 0.001 ).

Il fenomeno persisteva anche quando il valore di cutoff è stato fissato al 25% ( OR, 11.96; P=0.001 ) e 50% ( OR, 16.47; P=0.008 ).

Il tasso mediano stimato di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) è stato di 7.3 mesi nei pazienti con PD-L1 inferiore all’1%, 2.1 mesi nei pazienti con espressione di PD-L1 maggiore o uguale all’1%, 1.8 mesi nei pazienti con espressione di PD-L1 maggiore o uguale al 25% e 1.6 mesi nei pazienti con espressione di PD-L1 maggiore o uguale al 50%.

Il trattamento per i pazienti con adenocarcinoma polmonare avanzato EGFR-mutato che presentavano un livello di espressione di PD-L1 più elevato ha mostrato una più alta frequenza di resistenza primaria agli inibitori tirosin-chinasici di EGFR. ( Xagena )

Hsu KH et al, Lung Cancer 2019; 127: 37-43

Xagena_OncoPneumologia_2019



Indietro