Natera Banner
Bayer Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Studio CheckMate 9LA - Trattamento di prima linea con Nivolumab, Ipilimumab e chemioterapia versus sola chemioterapia per il carcinoma al polmone non-a-piccole cellule metastatico: follow-up a 3 anni ed esiti dei pazienti con metastasi cerebrali o mu


Nello studio di fase 3 CheckMate 9LA, Nivolumab ( Opdivo ) più Ipilimumab ( Yervoy ) con chemioterapia ha prolungato la sopravvivenza globale ( OS ) rispetto alla sola chemioterapia.

Sobo state riportate l'efficacia e la sicurezza aggiornate ( 3 o più anni di follow-up ), gli esiti clinici nei pazienti con metastasi cerebrali al basale e analisi esplorative delle mutazioni somatiche.

Adulti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in stadio IV o ricorrente, nessuna nota alterazione sensibilizzante di EGFR o di ALK, ed ECOG performance status inferiore o uguale a 1 sono stati randomizzati a Nivolumab 360 mg ogni 3 settimane più Ipilimumab 1 mg/kg ogni 6 settimane con chemioterapia ( 2 cicli ) o sola chemioterapia ( 4 cicli ).

Le valutazioni includevano sopravvivenza globale ( OS ), sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e tasso di risposta obiettiva.

Le analisi esplorative hanno incluso l'efficacia sistemica e intracranica nei pazienti con o senza metastasi cerebrali al basale, oltre alla sopravvivenza globale e alla sopravvivenza libera da progressione secondo lo stato mutazionale somatico di KRAS, TP53, STK11 e KEAP1 nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule non-squamoso.

Con un follow-up minimo di 36.1 mesi, la combinazione di Nivolumab, Ipilimumab e chemioterapia ha continuato a prolungare la sopravvivenza globale rispetto alla sola chemioterapia nella popolazione intent-to-treat ( sopravvivenza globale mediana: 15.8 vs 11.0 mesi; sopravvivenza globale a 3 anni: 27% vs 19% ).

Gli esiti di efficacia sono migliorati nei pazienti con metastasi cerebrali al basale pretrattate ( sopravvivenza globale mediana: 19.3 vs 6.8 mesi; sopravvivenza libera da progressione sistemica: 9.7 vs 4.1 mesi; sopravvivenza libera da progressione intracranica: 11.4 vs 4.6 mesi ).

È stato osservato un trend di beneficio in termini di sopravvivenza globale nei pazienti trattati con Nivolumab più Ipilimumab con chemioterapia rispetto alla sola chemioterapia, nonostante le mutazioni tumorali KRAS, TP53 e STK11.
Il follow-up prolungato non ha rivelato nuovi segnali di sicurezza.

Con un follow-up minimo di 3 anni, Nivolumab più Ipilimumab con due cicli di chemioterapia ha continuato ad avere un’efficacia duratura e a lungo termine rispetto alla sola chemioterapia; un profilo di sicurezza gestibile; e beneficio in termini di sopravvivenza nei pazienti con o senza metastasi cerebrali al basale o mutazioni somatiche selezionate, supportando ulteriormente il regime come trattamento di prima linea per i pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule metastatico. ( Xagena )

Paz-Ares LG et al, J Thorac Oncol 2023;18:204-222

Xagena_OncoPneumologia_2023



Indietro
<-- OLD GA ANALITYCS $(function(){ //$('.notifier').addClass('open'); $('#js-reduce-link').on('click', function(e){ e.preventDefault(); $('.alert-banner').removeClass('alert-banner--large'); }); })