Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
OncoGeriatria

Studio BRIGHTSTAR: terapia locale di consolidamento con Brigatinib nel carcinoma al polmone non-a-piccole cellule avanzato con riarrangimento ALK, naïve agli inibitori della tirosin-chinasi


Approssimativamente, il 95% dei pazienti che hanno una risposta iniziale agli inibitori della tirosin-chinasi ALK ( ALK-TKI ) mostrano una risposta incompleta con conseguente malattia residua che consente l'emergere di resistenza acquisita.
L'eliminazione della malattia residua mediante terapia locale di consolidamento può ritardare l'emergenza della resistenza e migliorare i risultati clinici.

Uno studio monocentrico ha valutato la sicurezza, la fattibilità e l'efficacia di Brigatinib ( Alunbrig ) associato alla terapia locale di consolidamento.
I pazienti eleggibili presentavno carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ), in fase avanzata, con metastasi, riarrangiamento ALK, e non erano mai stati trattati con un inibitore tirosinchinasico.
I pazienti sono stati trattati con Brigatinib per un periodo di induzione di 8 settimane seguito da terapia locale di consolidamento con radiazioni e/o chirurgia.

Nel periodo 2018-2020, sono stati arruolati 17 dei 24 pazienti previsti. Età mediana 55 ( intervallo 33-73 ).
All'ingresso nello studio, 15 pazienti avevano una malattia polimetastatica ( più di 3 siti ) mentre 2 avevano una malattia oligometastatica.

A partire da febbraio 2020, 16 pazienti sono stati valutati per la risposta e hanno completato la terapia locale di consolidamento mentre 1 paziente è rimasto in trattamento con Brigatinib.

Il tasso di controllo della malattia è stato del 100% con un tasso di risposta obiettiva ( ORR ) del 94% ( n=15 ).

Il follow-up mediano è stato di 8 mesi ( intervallo 3-13 ) senza pazienti con progressione della malattia fino ad oggi.

La terapia locale di consolidamento utilizzata è stata la radiazione ( n=11 ), la chirurgia ( n=3 ), la chirurgia e la radiazione ( n= 2 ).
Tra i 5 pazienti sottoposti a intervento chirurgico, 4 hanno subito lobectomia e dissezione linfonodale mediastinica ( MLND ), 1 resezione a cuneo con MLND e 1 adrenalectomia.
Di questi, 2 hanno presentato una risposta patologica completa e 1 una risposta patologica completa al tumore primario.

Non sono stati registrati eventi avversi di grado superiore o uguale a 2 relativi alla terapia locale di consolidamento, inclusi 7 pazienti trattati con Brigatinib e radioterapia in modo concomitante e 6 pazienti trattati con radioterapia mentre Brigatinib era sospeso.

Tutti i pazienti hanno continuato Brigatinib dopo terapia locale di consolidamento.

Gli effetti avversi gravi di grado 3 correlati a Brigatinib includevano: aumento dei livelli ematici di creatin-chinasi, lipasi, alanina aminotransferasi, amilasi ( n=1 ciascuno ) e nausea ( n=1 ).
Un paziente ha manifestato polmonite di grado 2 dopo 2 settimane dall'inizio di Brigatinib, con risoluzione con l'impiego di steroidi; Brigatinib è stato risomministrato a un dosaggio più basso.

In conclusione, Brigatinib associato a terapia locale di consolidamento è sicuro e fattibile nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule, in fase avanzata, con riarrangiamento ALK, indipendentemente dal numero dei siti metastatici.
Brigatinib e la terapia di consolidamento locale possono rappresentare una strategia terapeutica efficace in questo sottogruppo di pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule. ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Xagena_OncoPneumologia_2020



Indietro