Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumore Vescica

Sicurezza ed efficacia di Bevacizumab più standard di cura oltre la progressione della malattia in pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule: studio AvaALL


Il trattamento con Bevacizumab ( Avastin ) oltre la progressione è stato studiato nei tumori mammari e nei tumori metastatici del colon-retto.
AvaALL ( Avastin in All Lines Lung ) è il primo studio randomizzato di fase 3 riguardante Bevacizumab su più linee di trattamento oltre alla progressione nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ).

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza del trattamento continuo con Bevacizumab oltre la prima progressione nel tumore NSCLC.

AvaALL era uno studio randomizzato, in aperto, di fase 3b, condotto nel periodo 2011-2015 in 123 Centri in tutto il mondo.
I pazienti con tumore NSCLC non-squamoso precedentemente trattati con chemioterapia di prima linea con Bevacizumab più Platino doppietto e almeno 2 cicli di mantenimento con Bevacizumab sono stati randomizzati alla prima progressione a ricevere Bevacizumab più standard di cura o il solo standard di cura.

I pazienti hanno ricevuto Bevacizumab ( 7.5 o 15 mg/kg per via endovenosa ogni 21 giorni ) e/o standard di cura a scelta dello sperimentatore.
Per le linee successive, i pazienti trattati con Bevacizumab hanno ricevuto standard di cura con o senza Bevacizumab; il braccio standard di cura ha ricevuto solo lo standard di cura.

L'esito primario era la sopravvivenza globale ( OS ). Gli esiti secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione dalla prima alla seconda ( PFS2 ) e terza progressione ( PFS3 ), il tempo alla seconda ( TTP2 ) e terza progressione ( TTP3 ), e la sicurezza.

Tra il 2011 e il 2015, sono stati randomizzati 485 pazienti ( età media, 63.0 anni, 293 maschi, 60.4% ).

La sopravvivenza globale mediana non è risultata significativamente più lunga con Bevacizumab più standard di cura, rispetto al solo standard di cura: 11.9 vs 10.2 ( hazard ratio, HR=0.84, P=0.104 ).

La PFS2 mediana è risultata numericamente più lunga con Bevacizumab più standard di cura vs solo standard di cura: 5.5 vs 4.0 ( HR=0.83, P=0.06 ).

La PFS3 mediana è apparsa più lunga con Bevacizumab più standard di cura versus il solo standard di cura: 4.0 vs 2.6 ( HR=0.63 ), così come TTP2 e TTP3.

Gli eventi avversi di grado 3/4 sono stati più frequenti con Bevacizumab più standard di cura ( 186, 76.5% ) rispetto al solo standard di cura ( 140, 60.3% ).
Non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza.

L'endpoint primario non è stato raggiunto; tuttavia, la sopravvivenza globale era sottodimensionata in base alle ipotesi statistiche iniziali.

La terapia continuata oltre la prima progressione ha portato a migliorare PFS3 ( ma non PFS2 ), TTP2 e TTP3.

Anche se un risultato con P=0.06 per PFS2 sarebbe convenzionalmente considerato significativo al test a due code alfa=0.10, in assenza di aggiustamenti per la molteplicità, questo risultato potrebbe essere una scoperta casuale.
Nessun nuovo segnale di sicurezza è stato identificato con il trattamento con Bevacizumab oltre la progressione. ( Xagena )

Gridelli C et al, JAMA Oncol 2018; 4: e183486

Xagena_OncoPneumologia_2018



Indietro