Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori GenitoUrinari
OncoDermatologia

Pelareorep nei pazienti con cancro polmonare non-a-piccole cellule avanzato o metastatico trattato in precedenza sottoposti a terapia di salvataggio standard


Pelareorep ( Reolysin ), un ceppo Dearing di reovirus sierotipo 3, ha dimostrato attività oncolitica come agente singolo e sinergia con la chemioterapia.
È stato valutato Pelareorep combinato con la chemioterapia di seconda linea standard nei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ).

Uno studio randomizzato di fase II ha arruolato pazienti con tumore NSCLC avanzato o metastatico dopo chemioterapia di prima linea.
Dopo un run-in di sicurezza, i pazienti sono stati randomizzati alla chemioterapia ( Pemetrexed 500 mg/m2, non-squamoso; o Docetaxel 75 mg/m2, giorno 1 ogni 21 giorni ) con o senza Pelareorep ( 4.5 x 1010 TCID50, giorni 1-3 ogni 21 giorni ), stratificando per stato di mutazione EGFR.

L'esito primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) dei pazienti randomizzati a chemioterapia più Pelareorep rispetto alla sola chemioterapia.
Gli esiti secondari includevano la sopravvivenza globale, il tasso di risposta obiettiva e le analisi traslazionali esplorative.

Tra il 2012 e il 2015 sono stati arruolati 166 pazienti ( 14 al run-in di sicurezza ).

Pelareorep non ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla chemioterapia con agente singolo ( PFS mediana 3.0 mesi vs 2.8 mesi; hazard ratio, HR=0.90, P=0.53 ).

Né la mutazione KRAS o EGFR sono state associate a una migliore sopravvivenza libera da progressione, ma le mutazioni STK11 sono sembrate essere correlate a una migliore sopravvivenza libera da progressione ( HR=0.29 ), così come la mutazione PIK3CA ( HR=0.45 ).

La combinazione è risultata tollera, sebbene associata a un aumento dei tassi di febbre neutropenica.

In conclusione, l'aggiunta di Pelareorep alla chemioterapia di seconda linea non ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione dei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule.
La schedula di tre giorni di Pelareorep è risultata tollerata.
Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare il potenziale beneficio nei sottotipi molecolari del tumore NSCLC. ( Xagena )

Bradbury PA et al, Lung Cancer 2018; 120: 142-148

Xagena_OncoPneumologia_2018



Indietro