Bayer Banner
Natera Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Palbociclib per i tumori epiteliali timici avanzati ricorrenti o refrattari


I tumori epiteliali del timo ( TET ) sono rari ma sono i tumori più comuni del mediastino anteriore. La chemioterapia combinata a base di Platino è lo standard di cura per tali tumori ed è associata a un tasso di risposta obiettiva ( ORR ) dal 50% al 90% nella malattia metastatica.

Tuttavia, non esiste un’opzione chemioterapica standard dopo il fallimento della chemioterapia combinata a base di Platino.

Le alterazioni genetiche associate al ciclo cellulare, tra cui pRB, p16 INK4A e ciclina D1, sono più spesso osservate nei tumori epiteliali del timo.

Sulla base di questi risultati, è stato condotto uno studio di fase 2 per valutare l'efficacia e la sicurezza di Palbociclib ( Ibrance ) nei pazienti con tumori epiteliali del timo avanzato ricorrente o refrattario.

È stato condotto uno studio di fase 2, multicentrico, in aperto, a braccio singolo sulla monoterapia con Palbociclib nei pazienti con tumori epiteliali del timo avanzati ricorrenti o metastatici che hanno fallito una o più chemioterapie citotossiche.

I pazienti hanno ricevuto 125 mg di Palbociclib orale al giorno per 21 giorni, seguiti da una pausa di 7 giorni.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ). Gli endpoint secondari erano il tasso di risposta obiettiva, la durata della risposta ( DoR ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza.

Nel periodo 2017-2019 sono stati arruolati in totale 48 pazienti. Il numero mediano di precedenti chemioterapie era 1, e 21 pazienti su 48 ( 43.7% ) erano stati sottoposti a timectomia.

Secondo la classificazione dell'OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità ), i pazienti erano di tipo A ( n=1), tipo B1 ( n=2 ), tipo B2 ( n=8 ), tipo B3 ( n=13 ), carcinoma del timo ( n=23 ) e sconosciuto ( n=1 ).

Con un follow-up mediano di 14.5 mesi, il numero mediano di cicli di Palbociclib in monoterapia è stato pari a 10.
Il tasso di risposta obiettiva è stato del 12.5% ( 4 risposte parziali nel timoma e 2 risposte parziali nel carcinoma del timo ).

La sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi è stata del 60.2% e la sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 11.0 mesi. La sopravvivenza globale mediana è stata di 26.4 mesi.

Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento di qualsiasi grado sono stati neutropenia ( 62.5% ), anemia ( 37.5% ) e trombocitopenia ( 29.1% ) mentre l'evento avverso ematologico di grado 3/4 correlato al trattamento più comune è stato neutropenia ( 41.7% ).

La neutropenia superiore al grado 3 era reversibile e non sono stati segnalati casi di febbre neutropenica.

La monoterapia con Palbociclib è risultata ben tollerata e ha avuto un'efficacia incoraggiante nei pazienti con tumori epiteliali del timo in cui è fallita la chemioterapia di combinazione a base di Platino. ( Xagena )

Jung HA et al, J Thorac Oncol 2023; 18: 223-231

Xagena_OncoPneumologia_2023



Indietro
<-- OLD GA ANALITYCS $(function(){ //$('.notifier').addClass('open'); $('#js-reduce-link').on('click', function(e){ e.preventDefault(); $('.alert-banner').removeClass('alert-banner--large'); }); })