Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Metastasi leptomeningee dopo efficace trattamento con inibitori tirosin-chinasici di EGFR di prima generazione del cancro polmonare avanzato non-a-piccole cellule


È stata valutata l'influenza del trattamento con un inibitore della tirosin-chinasi del recettore del fattore di crescita epidermica ( EGFR TKI ) di prima generazione sulle caratteristiche cliniche della progressione della metastasi leptomeningea ( LM ) e degli esiti nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in fase avanzata.

Sono stati presi in esame retrospettivamente i pazienti con tumore NSCLC avanzato sottoposti a trattamento efficace con inibitori tirosin-chinasici di EGFR di prima generazione ( trattamento superiore a 6 mesi ) tra il 2008 e il 2014.
Sono stati esaminati l'incidenza, il tempo alla progressione e l'esito del trattamento con metastasi leptomeningee.

Nella coorte, 29/420 pazienti ( 6.9% ) hanno sviluppato metastasi leptomeningee.

Tra i pazienti portatori di L858R o della delezione dell'esone 19 in EGFR, l'incidenza di metastasi leptomeningee è stata, rispettivamente, del 10.7% ( 21/197 ) e del 3.4% ( 7/203 ) ( P=0.006 ).
Il tempo mediano alla progressione della metastasi leptomeningee è stato di 16.5 mesi.

La sopravvivenza globale ( OS ) mediana dopo la diagnosi di metastasi leptomeningee è stata di 5.2 mesi.

Nell'analisi di sottogruppo, la sopravvivenza globale è migliorata nei pazienti con performance status ( PS ) minore o uguale a 2 vs PS maggiore di 2 ( 14.2 mesi vs 2.3 mesi, rispettivamente; P minore di 0.001 ).

La sopravvivenza globale è migliorata anche tra i pazienti che hanno ricevuto, rispetto a quelli che non hanno ricevuto, un trattamento antitumorale ( rispettivamente 6.0 mesi vs 1.9 mesi; P minore di 0.001 ) o radioterapia dell’intero cervello ( WBRT; radioterapia panenecefalica ) ( 6.0 mesi vs 3.9 mesi, rispettivamente; P=0.038 ).

L'analisi multivariata ha indicato che la radioterapia panenecefalica è un fattore prognostico favorevole ( P=0.048 ), mentre la migliore assistenza di supporto ( P=0.033 ) e PS maggiore di 2 ( P=0.034 ) erano fattori prognostici sfavorevoli.

Una maggiore incidenza di metastasi leptomeningee è stata osservata nei pazienti con tumore NSCLC che presentavano mutazioni di EGFR dopo un efficace trattamento con inibitori tirosinchinasici di EGFR.
In particolare, la mutazione primaria, L858R, prevede potenzialmente un rischio più elevato di metastasi leptomeningee rispetto alla delezione dell'esone 19.
Questi risultati hanno evidenziato l'importanza di determinare lo stato mutazionale quando si valuta il comportamento biologico delle metastasi leptomeningee nei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule che rispondono positivamente al trattamento con inibitori della tirosin-chinasi di EGFR. ( Xagena )

Wu Y-L et al, Lung Cancer 2019; 127: 1-5

Xagena_OncoPneumologia_2019



Indietro