Oncologia Morabito
Janssen Oncology
Novartis
OncoHub

L'espressione di MYC è correlata all'espressione di PD-L1 nel tumore del polmone non-a-piccole cellule


Il ligando 1 di morte cellulare programmata ( PD-L1 ) è un biomarker ampiamente impiegato per prevedere gli inibitori del checkpoint immunitario, ma è di utilità limitata nella previsione della risposta farmacologica.
MYC, un fattore di trascrizione che è sovraespresso nei tumori, è coinvolto nel tentativo di evitare che le cellule immunitarie attacchino le cellule tumorali attraverso l'induzione dell'espressione di PD-L1.

Uno studio ha valutato la relazione tra espressione di MYC e PD-L1 in 84 pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) sottoposti a resezione chirurgica curativa.

Il rapporto tra MYC e PD-L1 è stato studiato introducendo pcDNA3-cMYC in cellule A549 e H1299 con bassa espressione di PD-L1 e siRNA ( RNA interferente breve ) rispetto a MYC in cellule H60 e H2009 con espressione elevata di PD-L1.

L'espressione di PD-L1 nei tessuti del tumore NSCLC è stata analizzata mediante immunocolorazione utilizzando un protocollo PD-L1 (22C3) PharmDx utilizzando la piattaforma Dako Automated Link 48, e l'espressione di MYC è stata determinata usando anti-c-MYC (Y69) (ab320720).

Su 84 pazienti, PD-L1 era espresso in 14 ( 16.7% ) e MYC era sovraespresso in 30 pazienti ( 35.7% ).
È stata studiata la relazione tra espressione di PD-L1 e MYC.

C'erano 49 ( 58.3% ) pazienti doppi-negativi e 9 ( 10.7% ) pazienti doppi-positivi.
Una correlazione positiva significativa è stata osservata tra espressione di PD-L1 e MYC ( gamma=0.210, P=0.029 ).

I pazienti doppi-negativi hanno mostrato una migliore sopravvivenza libera da malattia ( 31.1 vs 7.1 mesi, P=0.011 ) e una migliore sopravvivenza complessiva ( 56.1 vs 14.4 mesi, P=0.032 ) rispetto ai pazienti doppi-positivi.

In conclusione, considerata complessivamente, l'espressione di MYC è significativamente correlata con l'espressione di PD-L1 nel tumore del polmone non-a-piccole cellule.
L'utilità dell'espressione di MYC come marcatore surrogato della valutazione della risposta al trattamento è stata dimostrata per la terapia con inibitore del checkpoint immunitario e di particolare interesse per il sottogruppo di pazienti con tumore NSCLC in cui il tumore esprime la doppia positività per PD-L1 e MYC. ( Xagena )

Kim SY et al, Clin Lung Cancer 2017; 110: 63-67

Xagena_OncoPneumologia_2017



Indietro