Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Tumore Vescica
Tumore polmone

Erlotinib e Bevacizumab per carcinoma bronchioloalveolare avanzato o carcinoma polmonare non-a-piccole cellule avanzato in pazienti mai stati fumatori


Prima che il test di mutazione del gene del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) fosse riconosciuto come altamente associato con l'attività degli inibitori della tirosin-chinasi EGFR ( EGFR TKI ), popolazioni di pazienti clinicamente definiti con carcinoma bronchioloalveolare ( BAC ) e mai stati fumatori sono stati identificati come suscettibili di beneficio da parte degli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR.

Dai dati preclinici e clinici che suggerivano una efficacia potenzialmente migliore con una combinazione di un inibitore delal tirosin-chinasi di EGFR e l'agente antiangiogenico Bevacizumab ( Avastin ), il Southwestern Oncology Group ( SWOG ) ha avviato studi accoppiati di fase II per valutare l'associazione di Erlotinib e Bevacizumab in pazienti con carcinoma bronchioloalveolare avanzato ( SWOG S0635 ) o pazienti mai stati fumatori con adenocarcinoma polmonare avanzato ( SWOG S0636 ).

Pazienti eleggibili con carcinoma bronchioloalveolare o adenocarcinoma con caratteristiche BAC ( SWOG S0635 ) o pazienti mai stati fumatori con adenocarcinoma polmonare avanzato ( SWOG S0636 ) hanno ricevuto Erlotinib 150 mg/die con Bevacizumab 15 mg/kg fino a progressione o tossicità proibitiva.
I pazienti mai stati fumatori con BAC sono stati arruolati preferenzialmente in SWOG S0636.

L'endpoint primario per entrambi gli studi era la sopravvivenza globale.

In totale 84 pazienti sono stati arruolati nello studio SWOG S0635, e 85 nello studio SWOG S0636.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 22% ( 3% risposta completa ) nello studio SWOG S0635 e del 50% ( 38% confermato, 3% risposta completa ) nello studio SWOG S0636.

La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 5 e 7.4 mesi negli studi S0635 e S0636, rispettivamente.

La sopravvivenza globale mediana è stata rispettivamente di 21 e 29.8 mesi.

La tossicità consisteva principalmente in eruzioni cutanee e diarrea in entrambi gli studi.

In conclusione, sebbene si preferisca la selezione molecolare, piuttosto che clinica, dei pazienti candidati ottimali per la terapia con inibitori della tirosin-chinasi EGFR, i risultati supportano l'ipotesi che un sottogruppo di pazienti nei quali Erlotinib è particolarmente attivo possa ricevere un beneficio incrementale dall'aggiunta di Bevacizumab. ( Xagena )

West HL et al, Clin Lung Cancer 2018; 19: 84-92

Xagena_OncoPneumologia_2018



Indietro