BMS
Roche Oncologia
Novartis
Lung Unit

Cabozantinib in associazione ad Atezolizumab nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule precedentemente trattati con un inibitore del checkpoint immunitario: risultati della coorte 7 dello studio COSMIC-021


L'immunoterapia di prima linea con / senza chemioterapia è standard di cura per i pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in fase avanzata; tuttavia, sono necessarie opzioni di trattamento efficaci dopo progressione della malattia nonostante un precedente inibitore del checkpoint immunitario ( ICI ).

Cabozantinib ( Cabometyx ) può aumentare la risposta all'inibitore del checkpoint immunitario inibendo le chinasi coinvolte nella soppressione delle risposte delle cellule immunitarie.
Inoltre, ha dimostrato di favorire l'attività clinica in combinazione con l'inibitore del checkpoint immunitario in altri tipi di tumore tra cui carcinoma a cellule renali ( RCC ) e carcinoma epatocellulare ( HCC ).

COSMIC-021, uno studio multicentrico di fase 1b, sta valutando la combinazione di Cabozantinib e Atezolizumab ( Tecentriq ) in vari tumori solidi.

I ricercatori hanno riportato i risultati della coorte 7 nei pazienti con tumore NSCLC dopo una precedente terapia con inibitore del checkpoint immunitario.
I pazienti eleggibili avevano ECOG PS 0-1 e la progressione radiografica dopo una precedente terapia con anticorpi anti-PD-1 / PD-L1 somministrata da sola o in combinazione con chemioterapia per il tumore NSCLC metastatico non-squamoso.
Erano consentite fino a due linee di precedenti terapie antitumorali sistemiche.

I pazienti hanno ricevuto Cabozantinib 40 mg per os ( PO ) QD ( una volta die ) e Atezolizumab 1200 mg per via endovenosa ( IV ) Q3W ( ogni 3 settimane ).

Le scansioni CT [ tomografia computerizzata ] / MRI [ risonanza magnetica per immagini ] sono state eseguite Q6W ( ogni 6 settimane ) per il primo anno e Q12W ( ogni 12 settimane ) in seguito.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) secondo i criteri RECIST 1.1 da parte dello sperimentatore.
Altri endpoint comprendevano: sicurezza, durata della risposta ( DOR ), sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e sopravvivenza globale ( OS ).

Trenta pazienti con tumore NSCLC avanzato sono stati arruolati. L'età media era di 67 anni ( range 41-81 ), il 43% era di sesso maschile, il 57% aveva ECOG PS 1 e il 23% presentava metastasi epatiche.
La durata mediana della precedente terapia con inibitore del checkpoint immunitario era stata di 4.8 mesi ( range 0.8, 29 ) e 15 ( 50% ) pazienti erano refrattari a un precedente inibitore del checkpoint immunitario ( malattia progressiva come migliore risposta ).

Al 20 dicembre 2019, il follow-up mediano è stato di 8.9 mesi ( range 5, 20 ) con 9 ( 30% ) pazienti che continuavano il trattamento dello studio.

Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento ( TRAE ) di qualsiasi grado sono stati diarrea ( 53% ), affaticamento ( 37% ), nausea ( 23% ), riduzione dell'appetito ( 20% ), eritrodisestesia palmo-plantare ( 20% ) e vomito ( 20% ).
TRAE di grado 3/4 si sono verificati in 14 ( 47% ) pazienti e 1 ( 3.3% ) ha manifestato TRAE di grado 5 di miocardite e polmonite.

Il tasso ORR confermato per RECIST 1.1 è stato del 23% ( 7 su 30 pazienti; tutte risposte parziali, inclusi 3 pazienti refrattari al precedente inibitore del checkpoint immunitario ).

Il tempo di risposta è stato di 1.4 mesi ( intervallo 1, 3 ) e la durata mediana della risposta è stata di 5.6 mesi ( intervallo 2.6, 6.9 ).
La percentuale di controllo della malattia ( DCR; CR [ risposta completa ] + PR [ risposta parziale ] + SD [ malattia stabile ] ) è stata dell'83%.

In conclusione, la combinazione di Cabozantinib e Atezolumab ha mostrato un profilo di sicurezza accettabile e ha dimostrato di favorire l'attività clinica nei pazienti con carcinoma polmonare avanzato non-a-piccole cellule che erano progrediti dopo una precedente terapia con un inibitore del checkpoint immunitario.
Il tasso di risposta è risultato superiore a quanto precedentemente osservato con la monoterapia con Cabozantinib. ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Xagena_OncoPneumologia_2020



Indietro