Controversies in Genitourinary Tumors
Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
OncoPneumologia
ForumOncologico

Valutazione del test VeriStrat sulle proteine sieriche in pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose avanzato trattato con Afatinib o Erlotinib in seconda linea


L'identificazione dei biomarcatori associati a benefici clinici può essere cruciale per stabilire la scelta ottimale del trattamento per i pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose ( SCC ) dopo chemioterapia in prima linea.

In questo studio, è stata valutata la capacità del test VeriStrat sulle proteine del siero nel prevedere un beneficio clinico differenziale con Afatinib ( Giotrif ) rispetto a Erlotinib ( Tarceva ) e l'associazione dello stato di VeriStrat con i risultati clinici indipendentemente dall'uso degli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR ( EGFR-TKI ), in un'analisi retrospettiva dello studio di fase III LUX-Lung 8.

Campioni plasmatici pre-trattamento sono stati analizzati utilizzando la spettrometria di massa MALDI ( spettrometria di massa di desorbimento / ionizzazione laser assistito da matrice ) e valutati per assegnare una classificazione VeriStrat buona ( VS-G ) o scarsa (VS-P).

La sopravvivenza globale ( OS ), la sopravvivenza senza progressione ( PFS ) e altri endpoint sono stati valutati rispetto allo stato pretrattamento di VeriStrat; la sopravvivenza globale era la variabile di efficacia primaria.

Su 795 pazienti randomizzati in LUX-Lung 8, ne sono stati classificati 675 ( VS-G: 412; VS-P: 263 ).

Nel gruppo VS-G, la sopravvivenza globale è risultata significativamente più lunga con Afatinib rispetto a Erlotinib ( hazard ratio, HR=0.79 ).

Nel gruppo VS-P non è emersa alcuna differenza significativa nella sopravvivenza globale tra Afatinib ed Erlotinib ( HR=0.90 ).

Tuttavia, non esiste alcuna interazione tra la classificazione VeriStrat e il gruppo di trattamento per la sopravvivenza globale ( P interazione=0.5303 ).
La sopravvivenza globale è risultata significativamente più lunga nei pazienti VS-G rispetto ai pazienti VS-P, sia nella popolazione complessiva classificata VeriStrat ( HR=0.41 ) sia nei pazienti trattati con Afatinib ( HR=0.40 ).

L'analisi multivariata ha dimostrato che VeriStrat era un predittore indipendente di sopravvivenza globale nei pazienti trattati con Afatinib, indipendentemente da performance status ECOG o dalla migliore risposta alla chemioterapia di prima linea.

Gli esiti con altri endpoint di efficacia sono stati simili.

In conclusione, la classificazione VS-G è fortemente associata a risultati favorevoli di sopravvivenza con Afatinib o Erlotinib rispetto alla classificazione VS-P.
Nei pazienti VS-G, la sopravvivenza con Afatinib è risultata superiore a quella con Erlotinib.
La classificazione di VeriStrat può guidare le decisioni di trattamento nei pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose. ( Xagena )

Gadgeel S et al, Lung Cancer 2017; 109: 101-108

Xagena_OncoPneumologia_2017



Indietro