Controversies in Genitourinary Tumors
Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Tumore prostata
OncoGeriatria

Confronto tra Afatinib e Gefitinib o Erlotinib nei pazienti con adenocarcinoma polmonare avanzato portatori di mutazioni non-classiche del recettore del fattore di crescita epidermico


Circa il 10-15% dei pazienti con mutazioni del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) portano mutazioni non-classiche.
Tuttavia, in pazienti con mutazioni EGFR non-classiche rimangono sconosciuti gli effetti degli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR ( EGFR-TKI ), in particolare EGFR-TKI di seconda generazione ( Afatinib [ Giotrif ] ) rispetto a EGFR-TKI di prima generazione ( Gefitinib [ Iressa ] / Erlotinib [ Tarceva ] ).

È stato condotto uno studio retrospettivo presso il China Medical University Hospital ( Taichung, Taiwan ) dal 2011 al 2016.
Campioni di 1.632 pazienti sono stati testati per mutazioni EGFR. È stata esaminata l'efficacia di Afatinib e Gefitinib / Erlotinib nei pazienti con adenocarcinoma polmonare di stadio IIIb-IV con mutazioni EGFR non-classiche.

56 pazienti con adenocarcinoma polmonare in fase avanzata ( stadio IIIB-IV ) con mutazioni non-classiche in trattamento con EGFR-TKI hanno completato il follow-up e sono stati ulteriormente analizzati.

Afatinib rispetto a Gefitinib / Erlotinib ha mostrato che i tassi di risposta obiettiva ( ORR ) erano pari a 62.5% contro il 50.0% ( P=0.35 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) di 11.0 mesi versus 3.6 mesi ( P=0.03 ), rispettivamente, è stata osservata per i 51 adenocarcinomi polmonari EGFR-mutati non-classici ( esclusi 5 pazienti con inserzioni esone 20 ).

L'analisi del sottoinsieme ha mostrato che le curve di sopravvivenza libera da progressione di Afatinib erano più facilmente distinguibili nelle mutazioni EGFR non-classiche che non avevano una combinazione con una mutazione classica ( gruppo mutazione non-classica con complesso di mutazione classica: PFS mediana, 11.0 vs 8.2 mesi, P=0.19, mutazione non-classica da sola o in combinazione con altri gruppi di mutazioni non-classiche: PFS mediana, 18.3 vs 2.8 mesi, P=0.07 ).

In conclusione, Afatinib può rappresentare un inibitore della tirosin-chinasi EGFR di prima scelta per i pazienti con adenocarcinomi polmonari a livello avanzato che presentano mutazioni non-classiche. ( Xagena )

Shen YC et al, Clin Lung Cancer 2017; 110: 56-62

Xagena_OncoPneumologia_2017



Indietro