Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
SIOG
Ats

Aggiunta degli inibitori della tirosin-chinasi anti-angiogenici alla chemioterapia per il carcinoma del polmone non-a-piccole cellule avanzato


Il ruolo degli inibitori della tirosin-chinasi anti-angiogenici ( AATKI ) per i pazienti con cancro del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) non è ben definito.

È stata condotta un’ampia meta-analisi per valutare l'utilità complessiva dell’aggiunta degli inibitori della tirosin-chinasi anti-angiogenici alla chemioterapia.

Sono stati inclusi 15 studi randomizzati e controllati con inibitori della tirosin-chinasi anti-angiogenici più chemioterapia rispetto alla sola chemioterapia, che hanno coinvolto 7.997 pazienti con tumore NSCLC in fase avanzata.

La meta-analisi è stata effettuata per ottenere hazard ratio ( HR ) aggregati per la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione, e odds ratio ( OR ) aggregati per il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) e la tossicità di grado 3 o superiore.

Sono state effettuate analisi dei sottogruppi secondo la linea di chemioterapia, il regime chemioterapico e l’istologia.

L'aggiunta degli inibitori della tirosin-chinasi anti-angiogenici alla chemioterapia ha significativamente aumentato la sopravvivenza libera da progressione ( HR=0.83, P minore di 0.00001 ) e il tasso di risposta globale ( OR=1.63; P minore di 0.00001 ), ma non la sopravvivenza globale ( HR=0.96; P=0.14 ).

Un beneficio per la sopravvivenza globale è stato osservato nel sottogruppo di pazienti con adenocarcinoma ( HR=0.86; P=0.002 ), soprattutto nella impostazione di seconda linea ( HR=0.85; P=0.008 ).

Tuttavia, sia le tossicità di grado 3 o maggiori ( HR=2.08; P minore di 0.00001 ) e i decessi correlati al trattamento ( OR=2.37, P minore di 0.0001 ) sono stati significativamente più alti con l'aggiunta degli inibitori della tirosin-chinasi anti-angiogenici.

In conclusione, l'aggiunta degli inibitori della tirosin-chinasi anti-angiogenici alla chemioterapia nei pazienti con tumore NSCLC in fase avanzata ha aumentato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione e il tasso di risposta globale, ma non la sopravvivenza globale, e lo ha fatto a scapito di un aumento della tossicità e dei decessi correlati al trattamento.
Sono essenziali ricerche precliniche e traslazionali sui biomarcatori predittivi per lo sviluppo clinico di questa classe di farmaci. ( Xagena2016 )

Li BT et al, Lung Cancer 2016; 102: 21-27

Xagena_OncoPneumologia_2016



Indietro